L’esperienza con Consegnato.com

Desidero riportare qui la mia esperienza con il sito/servizio Consegnato.com.

Tale sito sostiene di offrire un servizio di tramite per poter acquistare, dall’Italia, presso degli e-shop statunitensi che non spediscono al di fuori del loro Paese. Consegnato.com fornisce, previa registrazione gratuita, un indirizzo da inserire come recapito di spedizione all’atto dell’acquisto in questi e-shop.

Nella pratica l’ho utilizzato due volte, entrambe per acquistare da Amazon.com. La prima volta ho preso un kindle touch 3g, la seconda, dopo circa un paio di settimane, per comprare un kindle fire.

Fino a qualche giorno prima del mio primo acquisto, la loro politica era di applicare una tariffa forfettaria in base al peso-volume delle spedizioni, comprensiva di tutti gli oneri (trasporto, iva, dazio, etc..). In pratica, per un pacchetto contenente un kindle touch, grossomodo grande come un libro di scuola e pesante la metà, si andava a pagare una ventina di euro e in un paio di settimane arrivava a casa.

Per vari loro problemi che non hanno mai specificato chiaramente, da un certo punto in poi tutte le spedizioni, compresa la mia, subivano un incremento del 20% sul valore della fattura d’acquisto: sul kindle, costato 149 dollari, erano altri 30 dollari, cioè 20 euro. Pacchetto ricevuto nelle solite due settimane e pace.

La sorpresa è arrivata quando ho acquistato il Kindle Fire: Amazon lo ha proposto in offerta speciale a 139 dollari solo per poche ore, visto che era un oggetto interessante ho deciso di acquistarlo, calcolando che poi ci sarebbe stato un supplemento spedizione + 20% per un totale di 35 euro, in fondo si trattava di un oggetto simile, per dimensioni e costo, del touch che avevo preso 3 settimane prima. Pago sul sito amazon, dopo 2 giorni arriva puntualmente a destinazione (Amazon e Apple sono degli esempi da manuale per la logistica, oltre al resto naturalmente), se non fosse che il giorno prima (a pacchetto in viaggio), Consegnato.com cambia le regole in corsa: da quel momento si paga come al solito in base a peso-volume, ma spediranno con un servizio super-celere di FedEx (rivelatosi poi il servizio Economy della stessa), corriere al quale poi si dovranno pagare tutti gli oneri doganali! E allora i 24 euro che vi ho pagato per cosa sono, per cambiare busta?

Morale della favola, il pacchetto arriva dopo una settimana della spedizione FedEx (2 in tutto, dalla consegna di Amazon), previo pagamento di.. altri 40 euro! (29 di IVA e 10,qualcosa di “spese amministrative”).

L’insegnamento che ne ho tratto è che quando non si sa fare bene il proprio lavoro, sarebbe meglio prendere una bella zappa e andare a rivoltare le zolle di terra, invece di inventarsi un servizio che, se ben eseguito, sarebbe molto comodo. Invece pubblicizzano una cosa e dall’oggi al domani cambiano le carte in tavola, quando ormai ti sei affidato a loro.

Come consumatore avrei gradito:

1) se dovete cambiare le regole (prezzi, tempi, modalità, quello che volete) lo fate con un certo preavviso, di modo che io lo so prima e mi faccio i miei conticini della serva se mi conviene o no comprare negli USA;

2) avevano una loro pagina Facebook dove dialogare con gli utenti, io non l’ho mai vista ma ho sentito dire che c’erano flame continui. La loro soluzione è stata geniale: chiuderla! Immediatamente dopo se ne sono aperte 3 nuove, gestite da alcuni utenti particolarmente incazzati, questa in particolare: , che è veramente fuori controllo. Forse sarebbe stato meglio tenere la cosa sotto controllo con la propria paginetta? Errore da principiante ovviamente.

3) che alla mia email di rimostranze non si fosse risposto con del silenzio, ma magari un buono sconto, una risposta di sentite scuse firmata da un responsabile (non una certa “Mary”), insomma non del menefreghismo puro e semplice.

Nota a margine: ho avuto un’attività commerciale e so che alcuni clienti sono nati per dare, eufemisticamente, filo da torcere ai titolari. A volte anche io ho sbagliato e ho ripagato, porgendo anche le mie scuse. Ma qui non ci siamo proprio.

Share

Leave a Reply